Logo Una Nuova Generazione

Siamo un team di giovani architetti che crea e cura progetti culturali per mettere in luce le esperienze della nuova generazione di progettisti.

La progettazione architettonica, oggi, deve confrontarsi sempre di più con le trasformazioni dello spazio fisico e umano dovuto all’avvento del campo digitale che ha aperto per gli architetti nuovi scenari di integrazione e collaborazione con figure professionali e progettuali diverse. A tal fine, è importante interrogarsi su come la tecnologia sia entrata nello spazio urbano di solide realtà locali ridefinendone alcuni aspetti chiave e di come l’architettura debba rispondere a queste nuove necessità.

PROSSIMI EVENTI

27 settembre
28 settembre
29 settembre
Logo Una Nuova Generazione

Siamo un team di giovani architetti che crea e cura progetti culturali per mettere in luce le esperienze della nuova generazione di progettisti.

La progettazione architettonica, oggi, deve confrontarsi sempre di più con le trasformazioni dello spazio fisico e umano dovuto all’avvento del campo digitale che ha aperto per gli architetti nuovi scenari di integrazione e collaborazione con figure professionali e progettuali diverse. A tal fine, è importante interrogarsi su come la tecnologia sia entrata nello spazio urbano di solide realtà locali ridefinendone alcuni aspetti chiave e di come l’architettura debba rispondere a queste nuove necessità.

PROSSIMI EVENTI

27 settembre
28 settembre
29 settembre
UNG x 1830
Geometrie segrete

EVENTI PRECEDENTI

Biennale Spazio Pubblico 2019

EVENTI PRECEDENTI

Biennale Spazio Pubblico 2019

Dimore Festival 2019

Dimore Festival 2019

Matteo Arietti

Matteo studia presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino, indirizzo Architettura Costruzione e Città.  Si laurea nel 2015 con una tesi sul progetto dell’housing contemporaneo, svolta ad Amsterdam presso de Architekten CIE, in collaborazione con uno dei suoi partner fondatori, Branimir Medic.
Dopo la collaborazione con l’architetto torinese Benedetto Camerana per il progetto del Museo Storico Alfa Romeo Arese, Matteo decide di arricchire il suo profilo professionale partendo per Parigi. Qui collabora dapprima con LAN Architecture, sull’allestimento del padiglione francese della 16esima edizione della Biennale di Venezia, curata da Alejandro Aravena e sulla preparazione del permesso di costruire del progetto residenziale Saint Urbain a Strasburgo.
Si sposta in seguito presso lo studio Atelier Du Pont, collaborando sull’operazione di architettura terziaria Cardinal, a Villeurbaine, Lione.  Rientra in Italia all’inizio del 2018 avviando le collaborazione con lo studio milanese PARK Associati.

Enrico Bertonazzi

Laureatosi nel 2015 in “Architettura Ambientale” presso il Politecnico di Milano, sta ora terminando il suo percorso accademico frequentando la Laurea Magistrale in “Progettazione tecnologica e ambientale”, cercando di continuare a porre attenzione alle tematiche energetiche, ambientali, e sostenibili e ad una continua ricerca tecnologica che il progresso di oggi richiede.

E’ membro del Green Building Council Italia (GBC), un’associazione no profit parte della rete internazionale, attraverso la quale favorisce la diffusione di una cultura dell’edilizia sostenibile e cerca di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’impatto che le modalità di progettazione e costruzione degli edifici hanno sulla qualità della vita dei cittadini.

Durante il corso di studi ha sempre dedicato interesse anche alla formazione extra-curricolare, seguendo corsi formativi su svariate tematiche, workshop e avendo modo di collaborare in diversi studi di architettura tra cui B22 (2017-18); in parallelo ha avuto occasione di partecipare a numerosi concorsi, raggiungendo spesso premi e piazzamenti rilevanti, e su tutti avendo la possibilità di realizzare un’installazione presso la sede di Piacenza del Politecnico di Milano.

È socio fondatore dell’associazione culturale “Linfa urbana” (2017-current), attraverso cui si occupa di proporre visioni sul tema della rigenerazione urbana di alcuni spazi della propria città, andando a proporre eventi itineranti che inneschino dialoghi e interesse all’interno del patrimonio storico-culturale del territorio, di cui oggi si tende a dimenticare.

Andrea Bulloni

Laureato al Politecnico di Milano nel 2018, è stato nominato per i RIBA President’s Medals Prize 2018 e per la 10th BCN Biennale, ha vinto tre WAA Award ed è stato esposto dall’ AIA American institute of Architects.

Fin dai primi anni della sua carriera ha collaborato con diversi studi internazionali come LAND srl (2012), Karres en Brands Landscapearchitects(2014), De Architekten Cie (2015) e METROGRAMMA (2019). Dal 2016 lavora come architetto freelance, ha co-fondato AAS società con la quale ha completato più di 20 progetti personali su scale diverse, 9 dei quali sono stati costruiti. Si è parlato del suo lavoro su alcune importati riviste come Artribune, Pressletter, IlGiorno, FutureArchitecture e molte altre. Nel 2019 è stato selezionato per partecipare al Premio nazionale NewItalianBlood NIB TOP 10 Architecture UNDER36.

Dal 2017 collabora con il DASTU, è stato assistente docente ed stato ospite relatore al Politecnico di Milano per il corsi “ M.Arch. II Town and planning design studio” e “Urban Design studio”. Nel 2018 ha co-ideato e co-fondato “Una Nuova Generazione” un collettivo di giovani progettisti operanti sotto il patrocinio di ADI Associazione per il Disegno industriale e Fondazione ADI Collezione Compasso D’Oro.

Francesco Cassinari

Progettista culturale, consegue la laurea in Architettura al Politecnico di Milano nel 2014 con una tesi sulla valorizzazione della Cattedrale di Piacenza. A partire dalla sua attività di ricerca, negli anni successivi collabora con l’Ufficio per i Beni Culturali della Diocesi di Piacenza alla progettazione e alla realizzazione del museo della Cattedrale “Kronos”, al progetto dei restauri del campanile della Cattedrale e alla progettazione di una serie di percorsi inediti all’interno della stessa, parte dell’evento di portata internazionale “Guercino a Piacenza”. È in questa occasione che si consolida il suo interesse per la progettazione culturale che lo ha portato prima a frequentare il master “Progettare Cultura” e successivamente ad operare a vario titolo nella produzione di contenuti per mostre ed eventi culturali. Relatore in alcuni convegni (Expo2015, Conversazione in coro) e redattore di alcuni testi per testate editoriali tra cui “Il giornale delle Fondazioni”, nel 2017 collabora con lo studio milanese Migliore+Servetto Architects. Attualmente impegnato nella docenza del “Master Progettare Cultura” di Università Cattolica e Politecnico di Milano, nel 2018 collabora all’organizzazione del primo evento di “Una Nuova Generazione”, un collettivo di giovani progettisti operanti sotto il patrocinio di ADI Associazione per il Disegno industriale e Fondazione ADI Collezione Compasso D’Oro.

Matteo Serra

Matteo ottiene la Laurea Magistrale in Architettura nell’ Aprile del 2018 al Politecnico di Milano con la tesi “Le Radici del Sacro, Architettura tra Individuo e Comunità” scritta col contributo di Renato Rizzi, Alberto Ferlenga, Marco Biraghi, Guido Morpurgo, Luigi Trentin, Renato Vitiello e Annalisa De Curtis. Nell’ anno 2017/2018 partecipa ad alcuni workshops internazionali come “Waliców  Project, form and transformation: a Memorial of the present between former Warsaw Ghetto’s ruins” tenutosi a Varsavia alla  Wydział Architektury PW, “Living Marrakech” tenutosi a Marrakech alla Ecole Nationale d’Architecture de Marrakech e “MIAW 2018 – Living  Periphery” tenutosi a Milano al Politecnico di Milano. Nel frattempo collabora al progetto per ICOM (International Council of Museum) “C’era ancora una volta – attraverso la fiaba, il Museo come laboratorio del presente” curato da Marco Biraghi, Annalisa De Curtis e Andrea Vercellotti. Durante i suoi studi lavora per alcuni studi professionali di Milano e Crema. Nel 2016 si trasferisce a Málaga per un’esperienza Erasmus alla Esquela Tecnica Superior de Arquitectura eAM’ della Universidad de Málaga UMA. Nel 2018 co-idea e co-fonda “Una Nuova Generazione” una Associazione Culturale di giovani progettisti operanti sotto il patrocinio di ADI – Associazione per il Disegno industriale e Fondazione ADI – Collezione Compasso D’Oro. Attualmente collabora come Architetto con lo studio cremasco Ermentini Architetti, il cui titolare, Marco Ermentini, è stato selezionato nel 2015 da Renzo Piano come Architetto Tutor del programma G124.

Laura Simonetti

Laura nasce con la passione per l’interior design maturata in anni di collaborazione in ambito familiare. Si trasferisce a Milano e studia Architettura al Politecnico. Consegue la laurea magistrale a pieni voti con la tesi sul progetto di una scuola materna interrogandosi sul tema della progettazione scolastica e il rapporto con i nuovi stimoli pedagogici e progettuali internazionali, progetto selezionato come uno dei migliori del Politecnico. Fa un’esperienza di studio e ricerca a Tampere, Finlandia, dove ha occasione di partecipare a diversi progetti in ambito architettura, interni e design del prodotto. Entra a far parte dell’Alta Scuola Politecnica da cui riceve stimoli per la crescita professionale interdisciplinare, ottenendo inoltre la doppia laurea al Politecnico di Torino.

Durante gli anni, oltre a progetti personali di architettura d’interni nelle città di Milano e Lucca, collabora con studi milanesi sia su progetti di product e interior che su progetti di architettura, tra cui EugaDesign Studio e Up Design&Research Lab. Attualmente, è architetto collaboratore presso lo studio ‘GPA-Global Planning Architecture’ a Milano, occupandosi prevalentemente di progetti di interior design in ambito retail e office.